Ralf Schumacher suggerisce a Hamilton di rinunciare al suo stipendio

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton

Ralf Schumacher ritiene che i piloti di Formula 1 darebbero un grande esempio nella lotta contro il coronavirus se rinunciassero ai loro stipendi per tutta la durata della crisi per assicurarsi un impiego per i loro collaboratori. Leo Messi ha annunciato oggi che lui e gli altri giocatori del Soccer Club Barcelona accettano una riduzione del 75% del loro stipendio prima dell’ERTE presentato dalla squadra. I giocatori si sacrificano così per assicurarsi che il resto degli impiegati della squadra raccolga il 100% dei loro stipendi. Ralf Schumacher ritiene che un’azione del genere sia possibile anche in Formula 1 e ritiene che Lewis Hamilton dovrebbe dare l’esempio.

“Questo è certamente possibile, finora nessuno lo ha reso pubblico, ma forse qualcuno lo farà, specialmente i piloti. Hamilton ha buone opzioni per fare qualcosa. Sicuramente dimostrerebbe che i piloti possono fare qualcosa”, dice Ralf Schumacher, parlando con un quotidiano tedesco.

Ralf si riferisce a Hamilton perché lo stipendio del campione del mondo nel 2020 è di 36 milioni di euro, come pubblicato oggi dal portale Race Fans. Il tedesco è preoccupato per la salute finanziaria delle squadre più piccole, sebbene non escluda che questa crisi possa porre fine anche a quelle più grandi.

“In situazioni del genere, bisogna pensare a salvare il possibile. Non so cosa faranno i piccoli team come Williams e Haas. Certo, sono in pericolo per la prima volta, ma anche i grandi produttori non dovrebbero sottovalutare il pericolo”, aggiunge.

“In Inghilterra esiste un sistema sociale diverso rispetto alla Germania. Assumere e licenziare non è un problema. Stiamo parlando di migliaia di dipendenti, migliaia di famiglie, che in qualche modo devono sbarcare il lunario in tempi difficili”, ha dichiarato Ralf per finire.

Ti potrebbe interessare: Hill ha consigli per Verstappen: “Hamilton vulnerabile quando è a disagio”

Hai le notifiche bloccate!