Si prevede che la controllata di Daimler, Accumotive, produrrà “a breve” 500.000 batterie all’anno

Daimler logo

Apparentemente Daimler è stato in grado di risolvere i colli di bottiglia nella consegna e i problemi di produzione del suo impianto di accumulatori di batterie a Kamenz : ” Con l’espansione dell’impianto e il graduale aumento della produzione, abbiamo ora ampliato la produzione a Kamenz a tal punto che saremo presto in grado di produrre più di mezzo milione di batterie agli ioni di litio Supera e la tendenza è in aumento ” , ha dichiarato il capo della produzione Mercedes Jörg Burzer alla rivista specializzata Automobilwoche.

Daimler utilizza le batterie ricaricabili prodotte dalla sua consociata Accumotive in veicoli con sistemi a 48 volt, ibridi plug-in e veicoli puramente elettrici della famiglia EQ di Mercedes-Benz, come le auto elettriche EQC già disponibili, un SUV e il furgone elettrico EQV . Entro il 2021, Daimler prevede di vendere circa 400.000 veicoli elettrificati all’anno. Daimler vuole anche espandere rapidamente la sua rete globale di batterie. La produzione è già in corso in Cina e Tailandia, la produzione dovrebbe iniziare a Jawor, in Polonia, entro la fine dell’anno, seguita dai siti di Untertürkheim e Sindelfingen e Tuscaloosa negli Stati Uniti.

Tuttavia, le auto elettriche di Mercedes-Benz non sono ancora un successo. Come riportato dal portale di statistiche sulle auto Carsalesbase, il SUV elettrico EQC ha venduto solo 1505 unità in Europa nei primi tre mesi dell’anno. Ci sono stati 1413 pezzi nel 2019. Si dice che quest’anno il volume di produzione sia di 50.000 EQC . Se la domanda dovesse essere ripresa, ad esempio grazie all’aumento del bonus ambientale del programma di stimolo economico Corona, i tempi di consegna di un QEQ dovrebbero essere limitati.

Ti potrebbe interessare: Daimler espande la produzione di batterie a partire da Kamenz

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI