Yamaha ha dovuto “fermare” un Hamilton desideroso di salire su una MotoGP

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton

Massimo Meregalli, team leader della MotoGP Yamaha, ha spiegato che hanno dovuto fermare Lewis Hamilton nello scambio di sella con Valentino Rossi. Il pilota Mercedes voleva salire in sella molto presto la mattina nella pista Ricardo Tormo a basse temperature a metà dicembre. Lewis Hamilton e Valentino Rossi si sono scambiati i ruoli durante una giornata a Valencia alla fine dell’anno scorso. Il britannico ha guidato per la prima volta una MotoGP in un evento organizzato da Monster Energy dopo diversi test con Superbike e motociclette da competizione.

Hamilton era così ansioso di farlo che il team Yamaha ha dovuto fermarlo, rivela Meregalli. Il campione di Formula 1 voleva sfruttare al massimo la giornata ed è arrivato sul circuito due ore prima di Rossi. “È stata una bella giornata. Pensavano fosse solo un’opportunità per fare pubblicità, ma non lo era. Valentino ha avuto l’opportunità di fare una buona pratica al volante della Mercedes”, ha dichiarato Meregalli in dichiarazioni rilasciate al portale di Motorsport.com.

“Hamilton è arrivato sul circuito molto presto e abbiamo dovuto fermarlo perché voleva salire in moto alle nove del mattino ed era molto freddo. Dopo aver perso due ore, voleva rimanere in pista il più a lungo possibile”, ha aggiunto. A causa del ritardo del “Dottore” e del desiderio di Hamilton di indossare il casco Yamaha e Monster hanno dovuto riorganizzare il programma pianificato. Una volta avviato, il pilota di Formula 1 ha approfittato della giornata.

“Abbiamo dovuto cambiare l’intero programma previsto, perché Valentino era un po’ in ritardo e Lewis voleva entrare in pista il più presto possibile. Abbiamo detto a Lewis che non era possibile a Valencia a metà dicembre non prima delle 11”. Hamilton ha impressionato i capi Yamaha per la prima volta con una MotoGP. Il britannico ha avuto un anche piccolo incidente.

“Era stato in motocicletta solo otto volte prima di fare un salto in MotoGP, quindi secondo me, quel giorno non ha fatto per niente male”. Nonostante le pessime condizioni della pista, Hamilton non voleva fermarsi. Yamaha gli ha fornito una motocicletta lontana dalle sue prestazioni ottimali per evitare problemi.

“È chiaro che gli abbiamo dato una moto non nelle migliori condizioni con una mappa del motore bagnata e con pneumatici che normalmente non usiamo, anche per regolamento. Era ventoso e freddo, ma non si è fermato fino a quando non ha visto la bandiera a scacchi”, ha detto Meregalli.

Ti potrebbe interessare: Lewis Hamilton non correrà di fronte ai suoi sostenitori nel Gran Premio di Gran Bretagna quest’anno

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI