in

Mercedes G 650 Landaulet si fa… rosa: il render

Non la vedremo probabilmente mai davvero realizzata, ma a questa Mercedes G 650 Landaulet non fa senz’altro difetto la personalità…

Mercedes G 650 Landaulet

Soffermarci sull’evoluzione della Mercedes Classe G è probabilmente superfluo, specialmente in questi spazi. Il peso assunto dal veicolo nella gamma immessa in circolazione dal Costruttore tedesco lo dovrebbe conoscere qualunque aficionados del brand, perciò passeremo velocemente oltre. Aggiungiamo che cavalcando l’onda del successo della longeva W463, sigla utilizzata per riferirsi al fuoristrada uscito dalla catena di montaggio dal 1990 al 2018, e delle folli interpretazioni progettate dai designer, i dirigenti hanno puntato molto in alto. A coronamento delle ricerca di abilità da fuoristrada, prestazioni oltre il limite e accostamento di solidità al lusso, venne inventato il primo suv Maybach. Così, nel 2017, Daimler ha presentato in anteprima mondiale la Mercedes G 650 Landaulet.

Mercedes G 650 Landaulet in tinta rosa, così eccentrica non la si era mai vista: la creazione di un artista del CGI

Mercedes G 650 Landaulet

Alcuni potrebbero considerarlo un miscuglio di diverse proposte sul mercato. Dopotutto, arrivava con il telaio (completo di assali a portale e sospensioni rialzate) della G 500 4×4 (al quadrato), il retrotreno di una cabriolet e l’anteriore della AMG G 65, nonché il propulsore V12 di quest’ultima (621 cavalli ). Ma in tanti l’hanno amata per la sua stravaganteaudacia e lo stile ben fuori dall’ordinario.

Quindi, non c’è da meravigliarsi se è uno di quei veicoli davvero difficili da dimenticare. Ad esempio, Musa Rio Tjahjono, l’artista virtuale dietro all’account musartwork sui social media, ha deciso di conferirgli un tocco personale. Dal momento che le vacanze invernali si stanno (piuttosto) avvicinando rapidamente, forse una Landaulet cingolata scalderà i cuori quando si viaggerà nella campagna accidentata.

Non sarà facile da manovrare o comoda, ma secondo lo stesso autore, esperto di computer grafica, risulta decisamente aggressiva. Sfortunatamente per chi desidererebbe ricorrervi nelle escursioni fuoriporta, magari su sentieri innevati, consiste in un pio desiderio. Le possibilità di vederla un giorno realmente costruiao sono ridotte al lumicino: basta notare la sfumatura rosa e ogni speranza svanisce, anche se sognare, in fondo, non costa nulla…

Looks like you have blocked notifications!