in

Mercedes GLE e GLE Coupé: nuovo diesel-hybrid

Arriva sui Mercedes GLE, “standard” e coupé, il nuovo sistema mild-hybrid, di seconda generazione. Intanto, anche la trazione migliora.

Mercedes GLE

Mercedes-Benz modernizza la gamma di motori della sua grande serie di SUV: il nuovo GLE 300 d 4MATIC e GLE 300 d 4MATIC Coupé offrono un’erogazione di potenza ottimale ma consumano sensibilmente meno in confronto ai loro precursori. Sono dotati dell’attuale unità diesel a quattro cilindri (OM 654 M) con generatore di avviamento di seconda generazione (ISG) integrato ed erogano 200 kW/272 CV. Entrambi i mild hybrid possono già essere ordinati e saranno disponibili da novembre. I prezzi partono da 75.053,30 euro per il GLE 300 d 4MATIC e 79.182,60 euro per il GLE 300 d 4MATIC Coupé.

Mercedes GLE: potenza ottimale, a fronte di consumi sensibilmente inferiori

Mercedes GLE

L’attuale propulsore OM 654 M è dotato di un generatore di avviamento integrato (ISG) di seconda generazione. L’ISG include l’impianto elettrico a 48 volt. Garantisce funzioni come il veleggiamento, la spinta o il recupero e consente un notevole risparmio di carburante. Inoltre, avvia il mezzo in maniera davvero rapida e comoda, affinché la funzione start-stop sia quasi impercettibile. Lo stesso vale per il passaggio dal veleggiamento con l’unità spenta alla dinamicità quando essa è accesa. Al minimo, l’interazione intelligente tra l’ISG e il motore a combustione garantisce un funzionamento straordinariamente silenzioso.

Il diesel a quattro cilindri è molto avanzato anche in termini di post-trattamento dei gas di scarico. Il catalizzatore ad accumulo di NOx trattiene gli ossidi di azoto, nei casi di avviamento a freddo, cosicché possano essere diminuiti nel catalizzatore SCR nel momento in cui il motore è caldo. Il DPF (filtro antiparticolato diesel) con copertura apposita attenua la propagazione del particolato. I due convertitori catalitici attivi SCR (Selective Catalytic Reduction) con iniezione di AdBlue, dosata separatamente, permettono un’efficace riduzione degli ossidi di azoto in tutte le gamme di funzionamento. Questi convertitori sono installati vicino al propulsore e nel pavimento del veicolo.

Anche la trazione integrale è stata perfezionata: in passato, i GLE con il quattro cilindri prevedevano una scatola del cambio che trasferiva la coppia motrice agli assi in un rapporto fisso del 50:50 percento. Il GLE 300 d 4MATIC e GLE 300 d 4MATIC Coupé dispongono del ripartitore di coppia con frizione multidisco a controllo elettronico. Grazie a esso il trasferimento della coppia motrice risulta variabile, dallo 0 al 100 per cento tra gli assi. Il ripartitore completamente connesso in rete con Torque on Demand si traduce inoltre in un progresso della sicurezza di guida e dell’agilità su strada, specialmente in curva. Ciò si ottiene influenzando in modo specifico il momento di imbardata per indurre la vettura al sovrasterzo o al sottosterzo.

Looks like you have blocked notifications!