Daimler intende ridurre in modo massiccio le sue emissioni di CO2 nei prossimi anni, sia nella produzione di automobili che nelle emissioni delle sue nuove auto. “Vogliamo ridurre in modo significativo le emissioni di CO2 per veicolo”, ha dichiarato il CEO di Daimler, Ola Källenius. In 20 anni, la nuova flotta di veicoli del gruppo tedesco sarà quindi a zero emissioni di CO2. Quindi, “un cambiamento fondamentale” del gruppo in meno di tre cicli di modello.

L’anno scorso, le emissioni di CO2 della nuova flotta di veicoli del Gruppo erano in media di 134 grammi per chilometro. Il valore obiettivo per l’anno 2021 nell’Unione europea è di 95 grammi per chilometro, ma ciascun produttore ha un valore individuale. Per Mercedes-Benz questo è nella media della flotta a circa 105 grammi. Se questo valore viene superato, vi sarannoi pene elevate. Maggiore è la percentuale di auto elettriche nella flotta, minori sono le emissioni di CO2. L’anno scorso, Daimler aveva cinque veicoli elettrici in offerta, il prossimo anno saranno 20.

Entro il 2030, la casa automobilistica con sede a Stoccarda prevede che oltre il 50 per cento delle sue vendite totali saranno rappresentate da veicoli elettrici. Questo conto include auto completamente elettriche e ibridi plug-in. Tuttavia, gli ibridi offerti dovrebbero avere un intervallo molto più ampio di quelli attualmente offerti, ha detto Källenius nel presentare i nuovi obiettivi, che Daimler riassume sotto la voce “Ambition 2039”. Il concetto è parte di una nuova strategia aziendale sostenibile attualmente in fase di sviluppo.

Tabella Emissioni di CO2 in Europa previsioni per settore

Grafico delle emissioni di CO2 in Europa
Grafico delle emissioni di CO2 in Europa

Nonostante la chiara attenzione alla mobilità elettrica, Daimler continuerà a fare affidamento sui classici motori a combustione interna. Non esiste quindi una data specifica in cui il Gruppo porterà sul mercato l’ultima generazione di auto con motori a combustione interna. A partire dal 2022, Daimler intende avere una produzione di CO2 neutrale almeno in Europa nella realizzazione delle sue auto.  L’uso di combustibili alternativi potrebbe anche diventare economico in 20 anni, secondo Källenius.