in

Daimler Truck: le conseguenze dello scorporo in borsa

Gli analisti di mercato prevedono gli effetti che lo scorporo di Daimler Truck dalla società madre produrrà sul mercato azionistico.

Daimler

Daimler ha ancora in serbo importante piani per quest’anno: la scissione in un brand di automobili da un lato e in uno di camion e autobus dall’altro, prevista a dicembre, è imminente. Ma in merito alla grande svolta inerente all’azienda tradizionale, al CEO Ola Källenius tocca anche risolvere problemi in apparenza banali circa il quotidiano: la mancanza di chip ha provocato un forte calo delle vendite del marchio Mercedes-Benz nel terzo trimestre. Ecco come stanno le cose in base ai numeri del terzo trimestre (29 novembre) con la compagnia di Stoccarda, cosa dicono gli analisti e l’andamento attuale del titolo.

La situazione in Daimler

Daimler

La carenza di chip ha infastidito l’intero settore per un po’. Poiché le Case automobilistiche hanno sospeso gli ordini al culmine della pandemia nella primavera del 2020, i produttori di chip si stanno concentrando maggiormente sull’elettronica di consumo e sull’hardware IT, che erano in forte espansione già durante la crisi e già rappresentano la prevalenza della domanda finale. I Costruttori di veicoli non erano proprio in prima linea quando l’attività ha iniziato a riprendere dal terzo trimestre del 2020: da allora i componenti si sono fatti attendere più e più volte e Daimler non è stata in grado di fabbricare il numero di vetture prefissato.

Non solo: l’entità della carenza dei pezzi è stata finora difficilmente letta nei bilanci della stella a tre punte – al contrario, Daimler, Volkswagen e anche BMW hanno realizzato profitti enormemente elevati nella prima metà dell’anno. Perché i lunghi tempi di consegna e le numerose richieste nel corso della risalita hanno posto termine alla “guerra degli sconti” degli anni passati. Inoltre, marchi tipo Mercedes stanno perseguendo la strategia di utilizzare inizialmente gli scarsi semiconduttori nei modelli più redditizi quali la Classe S e privilegiando pure l’incremento degli esemplari elettrici per la fornitura di componenti critiche, una questione tenuta in particolare considerazione sul mercato dei capitali.

Terzo trimestre in appannamento

Di conseguenza, la situazione dei prezzi per Daimler è stata molto positiva per qualche tempo. Källenius ha rovinato le prospettive di rendimento per Mercedes nel 2021 e attualmente si aspetta un margine dal dieci al dodici percento per gli utili rettificati prima di interessi e tasse. Non suona come una crisi, ricorda semmai i tempi migliori per il marchio tedesco, sebbene le vendite non si prospettino in aumento rispetto all’anno precedente. Lasciato correre il secondo trimestre, il gruppo è diventato più ottimista anche sul margine per autocarri e autobus. Källenius beneficerà poi del programma di austerità di vasta portata nel conglomerato che ha avviato prima della pandemia.

Le consegne del terzo trimestre hanno smorzato significativamente la precedente euforia in una logica di meri numeri. Da luglio a fine settembre, Mercedes-Benz ha consegnato 428.361 auto ai clienti di tutto il mondo, il 30,2 percento in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In Germania e in Europa, oltre che in Cina, il mercato più importante, si registrano cali percentuali a doppia cifra. La domanda è in realtà robusta e gli ordini in arrivo sono forti, ha affermato la Casa, ciononostante la carenza di chip ha limitato le vendite. Tuttavia, la Mercedes è stata in grado di ottenere guadagni nei modelli di punta e anche nelle unità elettrificate.

Questo è quello che dicono gli analisti

L’analista di Barclays Kai Alexander Mueller ha recentemente scritto che il terzo trimestre è un metro di paragone attraverso cui Daimler può ora dimostrare la resilienza appena conquistata. Nonostante il calo significativo dei dati sulle vendite di auto e furgoni, nonché di camion e autobus, la redditività dovrebbe confermarsi. È probabile che gli effetti sui prezzi e una forte disciplina dei costi compensino alcuni degli effetti negativi. Il punto di pareggio significativamente più basso garantirebbe comunque margini adeguati, in Mercedes-Benz si aspettano un valore del 7,9% nel trimestre.

Il referente di JPMorgan Jose Asumendi ha parlato di un trimestre solido per la casa automobilistica nonostante la forte flessione delle vendite nel terzo trimestre. La divisione automobilistica potrebbe ottenere un margine superiore al 9%. È probabile che anche il flusso di cassa sia stato forte, come ha scritto l’esperto.

L’analista di RBC Tom Narayan la vede allo stesso modo, anche se ha notevolmente abbassato le sue stime dopo i dati di vendita. È probabile che la redditività dei veicoli abbia continuato a beneficiare dell’impatto sui prezzi e di una fetta più consistente di mezzi più costosi.

La maggior parte degli analisti vede il titolo come promettente sullo sfondo dello spin-off del camion Daimler verso la fine dell’anno. Su 15 esperti registrati da dpa-AFX dall’inizio di settembre, 13 consigliano di acquistare il titolo, appena due sono favorevoli a tenerlo. Il prezzo indicativo medio è di poco inferiore a 96 euro, circa 15 euro in più rispetto a quello attuale.

Le conseguenze dello scorporo in Daimler

Dai minimi toccati nel marzo 2020, la quotazione ha conosciuto quasi unicamente la salita, con lievi battute d’arresto. La scorsa settimana, a quasi 84 euro, Daimler ha segnato il livello più alto dalla fine del 2015, prima che la vicenda del diesel colpisse pure l’azienda di Stoccarda. Con un aumento di quasi il 42 percento fino ad oggi quest’anno, il titolo è il secondo miglior valore nell’indice di selezione europeo per Case automobilistiche e fornitori dopo Porsche Holding. L’arcirivale BMW, d’altra parte, è stata in grado di guadagnare solo circa il 17% nella sua quota ordinaria, a sua volta quotata nel Dax.

Lo sviluppo diventa interessante quando Daimler si divide in Mercedes-Benz e Daimler-Truck. Gli esperti e il management sperano in una rivalutazione. Diversi esperti di mercato dei capitali presumono che le due società separatamente avranno un valore complessivamente più elevato perché gli investitori professionali potranno investire in modo più specifico nelle attività di loro interesse. Le somiglianze e le sinergie sono considerate minori.

Daimler ha attualmente un valore di mercato di quasi 88 miliardi di euro. Ciò la pone dietro Volkswagen con 118 miliardi di euro. BMW arriva a circa 55 miliardi. Tuttavia, i Costruttori tedeschi continuano a sfigurare nei confronti del pioniere americano dell’auto elettrica Tesla: in seguito alla recente ripresa dei prezzi, il colosso di Elon Musk può nuovamente su una capitalizzazione di mercato di circa 867 miliardi di dollari – l’equivalente di quasi 744 miliardi di euro e quindi quasi tre volte tanto quanto quelle tedesche insieme. 

Looks like you have blocked notifications!