Andretti trova Hamilton pretenzioso: “Crea un problema che non esiste”

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton

Lewis Hamilton ha fatto una forte campagna contro il razzismo in generale e in Formula 1 nelle ultime settimane. Lo ha fatto sui social media e durante i fine settimana del Grand Prix. Ad esempio, ha fatto il gesto “Black Power” sul podio in Austria. L’ex campione del mondo Mario Andretti pensa che Hamilton stia andando troppo lontano con questo.

“Rispetto molto Lewis, ma perché diventare un militante? È sempre stato accettato e si è guadagnato il rispetto di tutto il mondo. Penso che il suo obiettivo sia troppo pretenzioso. Quindi penso che sta creando un problema che non esiste ” , ha dichiarato l’ultimo campione del mondo americano al quotidiano cileno El Mercurio.

“Dipingendo la tua auto di nero non so che cosa farà. Ho incontrato piloti di diverse origini, in gara e li ho sempre accolti a braccia aperte. Negli sport motoristici, indipendentemente dal colore, devi guadagnare il tuo posto con i risultati e questo è lo stesso per tutti “.

Andretti poi denuncia il fatto che al momento in questo sport c’è troppa politica. Cita anche l’esempio del “cappio” nel garage del pilota nero della NASCAR Bubba Wallace. Questo è stato ampiamente nelle notizie come un incidente razzista, ma alla fine si è rivelato essere nulla di tutto questo.

Ti potrebbe interessare: Hamilton si aspetta un Verstappen più veloce in Ungheria

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!