Mercedes EQS: ecco perché ha gli specchietti e non le telecamere

Come ci si aspetterebbe da un’ammiraglia completamente elettrica, la nuova Mercedes EQS porta con sé tantissime tecnologie a bordo. Dalla prestante versione dual motor con trazione integrale fino al sistema MBUX Hyperscreen da 56 pollici.

Tutte queste caratteristiche permettono alla berlina lussuosa di posizionarsi sul mercato come la Classe S delle auto elettriche. In seguito alla presentazione ufficiale, alcuni si aspettavano di vedere delle telecamere al posto degli specchietti retrovisori esterni tradizionali.

Mercedes EQS profilo laterale

Mercedes EQS: Ola Kallenius svela il motivo dell’utilizzo di specchietti tradizionali al posto delle telecamere

Durante un’intervista ad Automotive News Europe, il CEO di Daimler Ola Kallenius ha spiegato che il team di ricerca e sviluppo dietro la EQS ha deciso di installare i “vecchi” specchietti laterali perché la preoccupazione di vedere cosa succede dietro il veicolo avrebbe provocato la cinetosi.

Oltre a questo, l’elettricità necessaria per alimentare le telecamere avrebbe annullato quasi del tutto i benefici aerodinamici creati dopo aver sostituito gli ingombranti specchietti con minuscole telecamere. Nonostante abbia degli specchietti laterali robusti, la Mercedes EQS resta l’auto di serie più aerodinamica mai costruita fino ad ora. Con i cerchi AMG da 19” e la modalità Sport attiva, l’ammiraglia 100% elettrica propone un coefficiente di resistenza aerodinamica di soli 0.20.

Kallenius ha continuato dicendo che Mercedes non è entusiasta di introdurre la tecnologia fine a se stessa ma è aperto all’idea di sostituire un giorno il vetro con le telecamere a condizione che questi sistemi migliorino in futuro.

Per il momento, la Stella di Stoccarda ritiene che questa tecnologia non sia adatta alle auto ma trovano spazio sui grossi camion come ad esempio l’Actros che dispone del sistema MirrorCam al posto degli specchietti tradizionali.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!