Mercedes logo

L’Australian Competition and Consumer Commission (commissione australiana per la concorrenza e i consumatoriACCC) ha annunciato oggi che Mercedes Australia non è riuscita ad avviare un richiamo obbligatorio di alcune sue auto dotate di airbag Takata difettosi nei tempi richiesti.

Il richiamo, che includeva 3 milioni di auto in Australia, è iniziato a metà del 2018 e da allora sono stati registrati dei tassi di completamento fino al 99,84% da alcuni produttori di veicoli.

Mercedes logo
Mercedes, proseguono i problemi in Australia per alcuni veicoli con airbag Takata difettosi

Mercedes: ancora problemi in Australia per gli airbag Takata difettosi

Tuttavia, l’Australian Competition and Consumer Commission sostiene che, da giugno a novembre 2018, Mercedes non ha avviato nessun richiamo per le Classe C 2008-2015 e Classe E 2010-2017, tutte dotate di airbag Takata potenzialmente difettosi.

Delia Rickard, vicepresidente dell’ACCC, ha dichiarato: “Avevano un periodo di tempo prestabilito: esiste un processo per l’applicazione o le estensioni e per le comunicazioni ma non ci hanno fatto sapere e non hanno richiesto un’estensione, quindi abbiamo deciso di indagare“.

Rickard ha detto, inoltre, che la casa automobilistica tedesca è stata l’unica società a non aver rispettato o richiesto una proroga a breve termine. “Mercedes ha quasi 21.708 veicoli rimanenti da correggere a gennaio 2020. Non possiamo creare magicamente airbag ma non siamo disposti a far continuare a guidare le persone“, ha affermato la VP.

Un rappresentante di Mercedes Australia ha detto che i proprietari dei veicoli interessati sono stati informati del problema quando l’autorità ha emesso per la prima volta l’avviso di richiamo. Soltanto alcuni, però, sono riusciti a far riparare la propria vettura prima che la domanda globale dei nuovi airbag entrasse in difficoltà.

In particolare, il rappresentante della Stella di Stoccarda ha affermato: “I clienti non sono stati istruiti a non guidare le loro auto. Nessuna auto Mercedes-Benz dispone di airbag pericolosi. Siamo d’accordo con l’ACCC in ciò che ci hanno chiesto ed è per questo che abbiamo sottoscritto questo impegno”.

Mercedes logo

La Stella di Stoccarda ha un tasso attuale di completamento del richiamo di oltre il 70%

Mercedes ha dichiarato che sta lavorando allo sviluppo di nuovi moduli airbag ”che non utilizzano il nitrato di ammonio” in modo che le sue auto non siano interessate da richiami simili in futuro. Secondo il brand di Daimler, il tasso di completamento del richiamo si attesta attualmente al 73,7%.

L’ACCC afferma che l’airbag difettoso, presente a bordo di un’auto Mercedes, è stato responsabile di un decesso in Australia. Inoltre, l’autorità ha detto che i modelli interessati avrebbero dovuto avere la priorità urgente nella sostituzione a causa dell’età degli airbag, dell’esposizione agli elementi e della posizione nei modelli interessati.

Il nuovo programma prevede l’inizio del richiamo entro la fine di giugno 2020 e di sostituire tutti gli airbag Takata difettosi entro il 31 dicembre. In merito a ciò, il rappresentante di Mercedes ha affermato: “Siamo fiduciosi di poter ancora rispettare tale termine. L’impresa vedrà anche Mercedes-Benz fornire gratuitamente delle auto a noleggio o un trasporto alternativo sempre gratuito ai proprietari dei veicoli ad alto rischio. I clienti possono continuare a guidare i loro veicoli in attesa della disponibilità di un airbag sostitutivo. Quando riceveranno una lettera di richiamo, dovranno contattare il rivenditore autorizzato più vicino per prenotare l’intervento al fine di sostituire l’airbag“.