in

Mercedes SLC Coupé: si presentò a Parigi nell’ottobre 1971

Nel mese di ottobre del 1971, al Salone di Parigi si presentò per la prima volta la Mercedes SLC Coupé: seminò conquiste.

Mercedes SLC

È un’anteprima glamour: al Salone di Parigi, luogo popolare per le creazioni eleganti, Mercedes-Benz presentò la SLC Coupé nell’ottobre 1971. Il veicolo a quattro posti combina elevate prestazioni con il miglior comfort di guida, un compagno ideale, ad esempio, per i lunghi viaggi. La 350 SLC è il primo modello ad essere esposto alla fiera campionaria della capitale francese. Altri sono seguiti, e con le evoluto 450 SLC 5.0 e 500 SLC, il marchio ha riscosso successo pure nel motorsport: Mercedes-Benz lo ha impiegato in fabbrica nei rally a lunga distanza e ottenuto vittorie in Sud America e in Africa. Gli esemplari ben conservati di questa serie sono da tempo diventati dei classici ambiti, con il potenziale per accrescere ulteriormente il loro valore.

Mercedes SLC Coupé: la nascita

Mercedes SLC

Il 18 giugno 1968, il consiglio di amministrazione stabilì che la nuova SL (R 107) sarebbe stata il successore della “Pagoda” W 113. All’epoca si stava ancora discutendo se la coupé della serie W 111 dovrebbe avere un successore. Una possibilità sarebbe quella di attendere come base tecnica la nuova Classe S della serie 116, che è attualmente in costruzione e sarà finalmente svelata nel settembre 1972. Ma le capacità di sviluppo non consentiranno di completarla fino alla metà degli anni ’70. Affinché arrivi prima sul mercato, si sceglie di orientare la Coupé sulla SL.

Ciò è da attribuire alla carrozzeria di Sindelfingen: il team sotto la direzione di Karl Wilfert progetta inizialmente una variante coupé della R 107 in modo piuttosto ufficioso e la sottopone al Cda per colmare un “vuoto”. Coglie l’occasione: il Costruttore presenta la coupé di lusso C 107 nell’ottobre 1971, appena sei mesi più tardi rispetto alla première mondiale della fiammante SL. La produzione in serie inizia nell’aprile 1972 e prosegue fino al 1981, per un totale di 62.888 unità realizzate. La variante best seller è la 450 SLC con 31.739 esemplari. La SL della serie R 107 rimane nella gamma per un periodo significativamente maggiore: sarà fabbricata fino al 1989.

Avantreno identico

Dal frontale al parabrezza, SL e SLC non differiscono. Dietro di essa, la coupé cresce in altezza e lunghezza. Il tetto piatto sopra l’abitacolo si fonde in un lunotto posteriore che è curvo in due direzioni e posizionato ad angolo retto. A differenza della SL, pure il cofano del bagagliaio è leggermente inclinato in due direzioni.

Come di consueto con le grandi coupé del marchio, i finestrini laterali sono retraibili senza il fastidioso montante B, il che conferisce un tocco particolarmente elegante. A causa dello spazio ridotto tra le porte allungate e i passaruota posteriori, tuttavia, resta poco margine per abbassare complessivamente i finestrini laterali posteriori. Pertanto, sono divisi in due parti e al segmento più piccolo fisso vengono fornite lamelle.

La sicurezza prima di tutto

Il corpo è, inoltre, costituito da un sistema di pavimento a telaio con lastre di diverso spessore per un comportamento di deformazione precalcolato. Il serbatoio si trova davanti all’asse posteriore, protetto dagli urti. Il nuovo volante a quattro razze con ammortizzatore è schiumato in poliuretano. La coupé pesa circa 50 chilogrammi in più rispetto alla corrispondente roadster. Tuttavia, poiché il coefficiente di resistenza di 0,423 (1973) è inferiore a quello della SL con hardtop (pari a 0,489), le prestazioni sono praticamente identiche.

V8 cuore pulsante

La tecnologia della roadster e della coupé mostra numerosi parallelismi. Il motore da 3,5 litri (M 116), offerto su fin dall’inizio, si era già affermato nelle berline W 108 e W 109, nonché nella coupé e cabriolet della W 111. Ha una potenza di 147 kW (200 CV) e consente alla 350 SLC di accelerare da 0 a 100 km/h in nove secondi e raggiungere una velocità massima di 210 km/h. Nel 1972 segue la 450 SLC con la M 117 e 165 kW (225 CV) e nel 1973 la 280 SLC con motore a sei cilindri, cilindrata 2,8 litri e 136 kW (185 CV). Nel settembre 1977 Mercedes-Benz introduce la 450 SLC 5.0 con 177 kW (240 CV).

Il modello di punta ha uno spoiler anteriore discreto e uno spoiler posteriore nero in plastica, il cofano, il cofano del bagagliaio e il rinforzo del paraurti sono in alluminio. Anche le norme inasprite sulle emissioni in Europa portano a sistemi di iniezione modificati con il risultato di potenze leggermente diverse. Le 380 SLC e 500 SLC vengono commercializzate esclusivamente nell’ultimo anno di costruzione. Nel 1980 il cambio automatico a tre marce lascia il posto a uno a quattro marce e la 280 SLC riceve un manuale a cinque marce come equipaggiamento standard.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!