in

Mercedes-Benz F 200 Imagination: quando la Stella leggeva il futuro

Presentata nel 1996, la Mercedes-Benz F 200 Imagination si fermò allo stadio di prototipo ma introdusse soluzioni innovative.

Mercedes-Benz F 200 Imagination

La Mercedes-Benz F 200 Imagination si distingue per un frontale che ricorda molto la generazione della Classe S W220 presentata nel 1998. Nello spirito della concept car svelata due anni prima, questa grande berlina era all’avanguardia sotto vari aspetti e in particolare ha richiesto il deposito di oltre 300 brevetti da parte di Mercedes. La linea della F 200 Imagination prefigura quella della coupé CL, basata sulla stessa piattaforma della Classe S (W220) e sfoderando un livello tecnologico altrettanto spettacolare. E, per fortuna, i designer hanno scelto di non utilizzare le mostruose luci posteriori in stile Peugeot 607 della concept car su nessuno dei modelli di produzione dell’azienda tedesca.

Mercedes-Benz F 200 Imagination: principio “drive by-wire”

Mercedes-Benz F 200 Imagination

Se già l’esterno poteva sorprendere per la sua modernità, è soprattutto all’interno che il prototipo era particolarmente innovativo. La sua caratteristica più evidente era la mancanza di un volante, sostituito da una coppia di joystick sul tunnel centrale e un altro su ogni sportello, affinché pure il passeggero avesse modo di gestire lo sterzo.

I comandi erano basati sul principio “drive by-wire”, ovvero si azionavano grazie a sistemi elettronici e non tramite collegamenti meccanici. La F 200 Imagination offriva diverse altre soluzioni sperimentali, ormai ampiamente consolidate nelle vetture della Stella come altrove. Ad esempio, fari con distribuzione della luce variabile (non ancora LED), airbag a tendina, sospensioni Active Body Control, riconoscimento vocale per telefoni cellulari e freno di stazionamento elettrico.

Un display lungo l’intero cruscotto

Mercedes-Benz F 200 Imagination

Tra i dettagli più sbalorditivi nell’abitacolo, una serie di schermi digitali per tutta la larghezza del cruscotto: un’anticipazione degli attuali modelli. Lontano dalla qualità dell’Hyperscreen montato sulle ultime EQS, il display a colori, orientato in orizzontale, visualizzava negli otto schermi Lcd informazioni attinenti al computer, alla strumentazione e alle retrocamere, nonché l’interfaccia del telefono, del sistema di navigazione (in una forma piuttosto rudimentale) e del lettore CD e DVD.

Anche la connessione Internet, compreso il telebanking (si chiamava così all’epoca) e le prenotazioni alberghiere in modalità digitale, furono testate nella showcar di lusso. Giusto uno sviluppo non era previsto dal prototipo della Casa: la massiccia conversione del parco veicoli a motori 100% elettrici. La Mercedes F 200 Imagination può essere ammirata nell’area “Fascination of Technology” del Museo Mercedes-Benz, non lontano da Stoccarda, in Germania.

Looks like you have blocked notifications!