in

Mercedes SLR McLaren, 722 Edition in vendita: la storia di un mito

Mentre un raro esemplare della 722 Edition è stata messa in vendita, andiamo a conoscere la storia della leggendaria Mercedes SLR McLaren.

Mercedes SLR McLaren 722 Edition

625 mila sterline. A tanto ammonta il valore della Mercedes SLRMcLaren 722 Edition, disponibile sul celebre portale web PistonHeads, uno dei mercati di auto premium più rinomati al mondo. Un esemplare tanto bello quanto raro: realizzata in appena 150 unità, l’edizione speciale è un inno allo stile senza tempo e del resto non c’era da aspettarsi nulla di diverso fin dallo sbarco, visto che il progetto era stato seguito e curato da due delle compagnie automobilistiche più longeve e dal conclamato successo in circolazione. L’annuncio puoi trovarlo qui, ma in tale occasione vorremmo prenderci dello spazio per rendere il giusto onore e merito all’intera gamma. Perché solo riscoprendone la grandezza è possibile capire per davvero quale posizione occupi sui libri di storia delle quattro ruote. Pertanto, allaccia le cinture e buona lettura!

Mercedes SLR Mclaren: un nome, un’icona

Mercedes SLR McLaren 722 Edition

La Mercedes SLR è uno dei nomi più iconici nel mondo dell’automotive e delle corse. Dalle Frecce d’Argento alla Mille Miglia, da piloti come Juan Manual Fangio e Stirling Moss a squadre come Mercedes e McLaren, la SLR incarna tutto.

Le radici della Mercedes-Benz SLR McLaren potrebbero essere fatte risalire agli anni ’50, un’era che ha segnato sia il meglio che il peggio nelle corse automobilistiche per Mercedes-Benz. Il produttore tedesco è stato coinvolto nel corso della sua storia negli sport motoristici.

All’apice del suo successo, la Silberpfeilen (Freccia d’argento) made in Stoccarda ha dominato in Formula Uno, corse automobilistiche e rally. Fu in quei giorni che la Mercedes sviluppò l’iconica 300 SLR. A causa della sua costruzione leggera, l’auto sportiva fusoprannominata SLR, un’abbreviazione di Sport, Leight, Rennsport che potrebbe essere tradotta come “Sport, Light, Racing”. La SLR venne inizialmente designata come W196S, ma il reparto marketing di Mercedes non rimase soddisfatto di questo “nome poco interessante” e ha inventato la 300 SLR. Sebbene la denominazione suggerisca diversamente, il bolide non era basato sulla famosa 300 SL Gullwing.

La Mercedes-Benz 300 SLR attingeva dalla Mercedes-Benz W196, guidata da Juan Manuel Fangio e Stirling Moss nelle stagioni di Formula Uno del 1954 e del 1955. La W196 non era solo l’auto più veloce, ma anche tecnologicamente più avanzata in pista. Ed è stata anche la più vincente in quanto si aggiudicò nove delle dodici gare in cui partì. La Mercedes-Benz 300 SLR fu sviluppata e utilizzata nella stagione 1955 del Campionato mondiale di auto sportive. In questa serie di importanti eventi di endurance e su strada anche la Benz ebbe parecchio, infatti la Mercedes seppe affermarsi in campionato con la 300 SLR.

Dal trionfo alla Mille Miglia alla tragedia di Le Mans

Il successo più importante è stato senza dubbio quella alla “nostra” Mille Miglia, quasi 1.600 km attraverso l’Italia. Stirling Moss e il suo navigatore Denis Jenkinson si apprestarono a gareggiare sulla loro Mercedes, recante l’ormai famoso numero 722. Questo numero venne assegnato in base all’orario di partenza (7:22 AM). Il pilota e copilota britannico si affermarono la Thousand Miles con una velocità media record di 157,65 km/h. Moss affermò che la 300 SLR fu “la più grande auto sportiva mai realizzata, davvero una macchina incredibile”.

Purtroppo la striscia vincente della Mercedes si concluse con l’orribile incidente a Le Mans. Durante l’edizione del 1955 della gara di durata, la 300 SLR di Pierre Levegh si schiantò contro la folla, uccidendo il pilota e più di 80 spettatori. A seguito di questa tragedia, Mercedes-Benz si ritirò da tutti gli sport motoristici sponsorizzati dal marchio. Seguirono quasi quattro decenni prima che la Stella tornasse al più alto livello delle corse automobilistiche.

L’uomo che creò la W196 e la 300 SLR era il capo del motorsport Rudolf Uhlenhaut. Voleva creare una versione stradale della 300 SLR combinando la 300 SL Gullwing stradale con la potente macchina da corsa. L’idea di Uhlenhaut era quella di fabbricare un’auto sportiva che potesse essere impiegata per i test e per la preparazione della nuova stagione. Furono costruite due SLR omologate per la strada, che divennero note come 300 SLR Uhlenhaut Coupé e all’epoca erano considerate i “missili” più veloci al mondo.

A causa della tragedia di Le Mans seguita dal ritiro della Mercedes, le vetture divennero obsolete. Quindi Uhlenhaut ne servì di una in quanto auto aziendale. E secondo le voci, fu davvero veloce a sufficienza. La leggenda racconta che Rudolf Uhlenhaut era in ritardo per un incontro, quindi vi montò a bordo per percorrere i 220 km tra Stoccarda e Monaco in poco più di un’ora.

Passarono molti anni prima che la Mercedes tornasse in Formula Uno, questa volta non come costruttore ma come fornitore di motori alla Sauber nel 1993. Ma nel 1995 la Mercedes passò alla McLaren, la squadra britannica che dominò gli anni Ottanta con Nika Lauda, ​​e soprattutto Ayrton Senna e Alain Prost. Durante questa era la McLaren è stata responsabile di sette campionati piloti e sei campionati costruttori. Ma quando la Mercedes si è unita alla McLaren, la squadra stava lottando. L’ultima gara è stata vinta nel 1993. Ma alla fine la partnership ha portato a vittorie, e Mika Häkkinen è diventato con la McLaren-Mercedes campione del mondo nel 1998 e nel 1999. Ispirato da questo successo ‒ e considerando il fatto che la casa madre della Mercedes, DaimlerChrysler, deteneva la maggioranza del Le azioni del Gruppo McLaren il rapporto tra McLaren e Mercedes si è esteso sulla strada.

Più che un’auto, una ‘visione’

Il risultato della collaborazione tra i due giganti delle corse automobilistiche fu la Mercedes-Benz Vision SLR, concept presentato nel 1999. Il nome e lo stile onoravano i suoi predecessori degli anni Cinquanta. La due posti era basata sulla Classe SL (R129) e incarnava il meglio di Mercedes e McLaren. Fu progettato per combinare lusso, comfort, affidabilità e, naturalmente, l’eredità delle corse Mercedes con il carattere sportivo, le prestazioni e l’ingegneria della McLaren. Quattro anni dopo, Mercedes tirò su il velo a modello aggiornato e quasi pronto per la produzione chiamato Vision SLR Roadster.

Finalmente la fabbricazione della Mercedes SLR McLaren fu avviata nel 2003 presso il McLaren Technology Center di Woking, in Inghilterra. Più di 500 unità sono state consegnate ai clienti durante il primo anno completo di produzione.

La SLR McLaren era alimentata da un V8 da 5,4 litri dotato di un compressore che produceva 0,9 bar di spinta. Il motore AMG, costruito a mano, era posizionato dietro l’asse anteriore e sprigionava 626 cavalli a 6.500 giri/min. La coppia massima di 780 Nm era disponibile a partire da 3.250 giri/min e rimaneva a tale livello fino a 5.000 giri/min. Il motore anteriore-centrale era abbinato a un cambio automatico a cinque velocità che trasferiva la potenza alle ruote posteriori.

Grazie a tutto ciò, la SLR McLaren era in grado di accelerare da ferma a 100 km/h in 3,8 secondi, anche se in alcuni test si riportò che raggiungeva picchi ancora più elevati. La SLR toccava i 200 dopo 10,6 secondi e ai 300 si spingeva in 28,8 secondi. Il quarto di miglio lo percorse in 11,2 secondi, alla velocità massima era di 334 km/h.

Mercedes SLR McLaren: da 100 a 0 in neanche 35 metri

Per la potenza di arresto, la SLR McLaren era dotata di freni carboceramici combinati con un’altra caratteristica notevole, lo spoiler adattabile che fungeva da aerofreno. Un tempo introdotta dal direttore degli sport motoristici della Mercedes Alfred Neubauer, che applicò il concetto a Le Mans nel 1955, la SLR McLaren adottava un sistema ad aria per aiutare i freni in carboceramica. Se il guidatore premeva pesantemente sui freni, lo spoiler posteriore saliva a un angolo di 65 gradi, creando così una superiore resistenza aerodinamica e stabilità e quindi incrementando la decelerazione. Quando si guidava a 100 km/h, non le servivano più di 34,9 metri per fermarsi completamente. Un altro riferimento alla famosa 300 SLR Uhlenhaut Coupé erano i tubi di scarico posti sulla fiancata della vettura.

Il corpo venne realizzato in fibra di carbonio per aggiungere più rigidità, resistenza, sicurezza e per risparmiare peso. Nonostante l’uso di questo materiale leggero, il peso a vuoto totale della SLR era di 1.750 kg, il che la rendeva più pesante di concorrenti come Aston Martin DBS V12, Ferrari 599 GTB, Lamborghini Murciélago, Porsche Carrera GT. Tuttavia, le prestazioni della Benz tenevano testa alle sue rivali.

Mercedes SLR McLaren: l’avvento della 722 Edition

Nel 2006 la SLR fu rimpiazzata dalla Mercedes-Benz SLR Mclaren 722 Edition, più potente e leggermente più aggressiva. Il numero “722” si riferiva al numero di partenza della Mercedes Benz 300 SLR vincitrice della Mille Miglia di Stirling Moss. Il motore dell’edizione 722, aggiornato, erogava 650 CV. Anche le prestazioni salirono di livello, la 722 Edition scattava da ferma a 100 km/h in appena 3,6 secondi e i 200 km/h vengono raggiunti in appena 10,2 secondi. La velocità massima di 337 km/h era superiore ai 334 km/h della SLR standard. Inoltre, i freni aumentarono di dimensioni e anche l’esterno ricevette un piccolo upgrade. Oltre alla versione coupé, nel 2007 sbarcò sul mercato una versione roadster della SLR. La decappottabile presentava la stessa centrale elettrica e le stesse specifiche della sorella.

Un anno dopo si presentò l’esclusiva SLR 722 GT progettata per la pista, per cui la sospensione, il sistema frenante, l’aerodinamica, l’interno e il sistema di scarico furono modificati per la pista dalla società di ingegneria britannica RML Group. Gli ingegneri persero quasi 400 kg di peso, risultando in un peso a secco di 1.300 kg. Grazie al boost di 1,75 bar del compressore, la potenza massima crebbe a 680 CV e 830 Nm di coppia. Ciò consentì alla SLR 722 GT di accelerare da ferma a 100 km/h in 3,3 secondi. La produzione della reflex più potente era limitata a sole 21 unità.

Con la Roadster 722 S entrò sul mercato un’altra edizione limitata della SLR. Furono realizzati un totale di 150 esemplari della roadster più potente. Con una potenza di 650 CV e 820 Nm di coppia, la due posti aperta era in grado di raggiungere i 100 km/h da ferma in 3,6 secondi e una velocità massima di 334 km/h. La produzione della roadster terminò nel maggio 2009, aprendo la strada al fiore all’occhiello della gamma SLR: lo Stirling Moss.

L’ultimo tributo a Stirling Moss

La Mercedes SLR McLaren Stirling Moss è l’ultimo tributo a Stirling Moss. Limitata a 75 unità, la speedster venne costruita secondo lo stesso spirito della classica 300 SLR che si aggiudicò la Mille Miglia del 1955. Non c’era né un tetto né un parabrezza per separare guidatore e passeggero dal mondo esterno, proprio come la SLR guidata da Moss e Jenkinson. Il V8 sovralimentato della SLR McLaren Stirling Moss erogava 650 CV, dando allo speedster la capacità di accelerare fino a 100 km/h in meno di 3,5 secondi. Con una velocità massima di 350 km/h, l’auto senza finestrini e senza tetto era più veloce di qualsiasi della specie. Doveva anche essere l’ultima della gamma.

Sebbene la Stirling Moss fosse il canto del cigno per la SLR, il sipario calò definitivamente calato con la McLaren Edition nel 2010, un anno dopo la fine della produzione. Quasi di punto in bianco, la McLaren mostrò la sua versione definitiva della SLR al Motor Show di Essen 2010. L’edizione SLR presentava una carrozzeria rivista, sterzo modificato e configurazione delle sospensioni. La produzione era limitata ad appena 25 pezzi.

Quando l’ultima SLR lasciò la catena di montaggio a Woking, anche la collaborazione tra Mercedes e McLaren si concluse. Si dice che la McLaren non fosse del tutto soddisfatta della SLR: desiderava che fosse meno granturismo e più sportiva di razza. Ma la Mercedes insistette su un’auto più pratica, comoda e affidabile, quasi adatta all’uso quotidiano. Si disse – persino usato per criticare la Mercedes-Benz SLR McLaren – che fosse un cattivo compromesso, risultato di due punti di vista contrastanti.

Promesse di produzione disattese

Inizialmente, e forse in preda all’ottimismo, Mercedes-Benz annunciò all’introduzione della SLR che stavano cercando di garantire una tiratura totale di 3.500 SLR in sette anni, molto più di tutti i suoi concorrenti. Ciò implicava una produzione annua di 500 auto nonostante il suo prezzo piuttosto elevato. Purtroppo però per i capi di Stoccarda e Woking, la SLR non si rivelò all’altezza di tali aspettative.

Ma va notato che con oltre 2.000 unità costruite, la Mercedes SLR McLaren è ancora una delle supercar di fascia alta di maggior successo mai realizzate. E forse questo è reso possibile soprattutto perché è una via di mezzo, che riflette il meglio di due mondi. E inoltre, nessuno potrebbe obiettare che la Stirling Moss sia un compromesso ‒ infatti è una delle auto più intransigenti mai realizzate ed è sicuramente un magnifico tributo ad un immenso pilota, ma anche alla stessa SLR.

Looks like you have blocked notifications!