Racing Point spiega perché non ha copiato la Mercedes fino a questa stagione

Racing Point
Racing Point

L’attuale regolamentazione della Formula 1 consente a un team di acquistare una serie di componenti da un altro, ma sia il telaio che l’aerodinamica devono essere di propria progettazione e fattura. Molti sono rimasti negativamente sorpresi quando hanno visto per la prima volta la Racing Point RP20 di quest’anno, poiché la somiglianza con la Mercedes W10 della stagione 2019 è stata sorprendente. Qualcosa che, secondo molti ingegneri e progettisti, non è possibile senza dati accurati dai tedeschi, che sarebbero considerati illegali dal regolamento.

Ma, indipendentemente dal fatto che Racing Point abbia usato o meno informazioni riservate, la verità è che le prestazioni delle cosiddette «Mercedes rosa» sembrano molto promettenti e il capo del team, Andrew Green, è stato recentemente interrogato sul perché adesso e non nelle stagioni precedenti.

“Non abbiamo potuto seguire questa strada prima”, afferma il direttore tecnico di Racing Point. “Le nostre mani erano legate finanziariamente e lo sono state per molti, molti anni. Abbiamo dovuto riutilizzare molti componenti da un anno all’altro. Non è stato possibile effettuare un riavvio, non avevamo le risorse finanziarie, non avevamo le persone né la capacità produttiva. Sono necessari molti cambiamenti di infrastruttura per poter fare quello che abbiamo appena fatto ».

Una volta che l’investimento è stato fatto per rinnovare completamente la vettura, Green afferma che è vantaggioso seguire il percorso segnato da una grande squadra, poiché è necessario progettare e fabbricare meno elementi meccanici. Come controparte, la monoposto di Racing Point, basata su quella della stagione precedente della Mercedes, non sarà mai così competitiva da poter lottare al vertice.

Ti potrebbe interessare: Racing Point inizierà a utilizzare la galleria del vento di Mercedes

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!