Red Bull chiede alla FIA se i freni posteriori della Mercedes sono legali

Mercedes W11
Mercedes W11

Red Bull ha chiesto alla FIA se i freni posteriori della Mercedes W11 e di altre auto sono legali. La Federazione ha risposto con l’emissione di una nuova direttiva tecnica che ha costretto i team a apportare modifiche alle proprie auto per questo fine settimana.
Ci sono più fronti aperti oltre a quello relativo ai motori Ferrari. Nei giorni precedenti il ​​Gran Premio d’Australia, la Red Bull ha messo in dubbio la legalità delle linee dei freni posteriori della Mercedes W11, secondo la pubblicazione tedesca Auto Moto und Sport.

Gli ingegneri della Red Bull sottolineano che le prese d’aria posteriori di alcune apparecchiature non sono conformi alle normative. Tra le squadre a cui fanno riferimento ci sono Mercedes e probabilmente anche Racing Point. Il motivo del reclamo è che i condotti hanno un canale d’aria aggiuntivo non consentito. L’aria ottenuta potrebbe essere utilizzata per raffreddare i freni o le gomme e ciò potrebbe dare loro un vantaggio decisivo nella gestione delle gomme.

La FIA ha risposto alla domanda di Red Bull con l’emissione della direttiva tecnica TD 014/20 , che vieta tutti i canali aerei in aree non consentite dalle normative nel GP australiano. Questi team sono ora costretti a reagire rapidamente per far correre le loro auto a Melbourne. I condotti di ventilazione dei freni posteriori si trovano tra i bracci trasversali delle sospensioni delle ruote posteriori e il supporto dei pneumatici.

Per regolamento, sono consentite solo griglie nello spazio tra il suolo e 160 millimetri sopra il centro della ruota. All’articolo 11.5. dalle regole tecniche si afferma che tutte le parti del supporto ruota che si trovano su quest’area possono avere solo una funzione strutturale. Pertanto, le prese d’aria non sono consentite in quest’area.

Ti potrebbe interessare: Tre decimi di secondo separano Red Bull da Mercedes, secondo la stampa tedesca

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!