Ricciardo: “Posso combattere Hamilton e vincere un Mondiale”

Hamilton Vettel Ricciardo
Hamilton Vettel Ricciardo

Daniel Ricciardo ritiene di essere uno dei migliori piloti della griglia attuale. L’australiano pensa che sia necessario avere un’auto competitiva per distinguersi ed essere regolari in tutto il Grand Prix di una stagione. “Sono nel gruppo principale. In termini di talento e capacità di spingere la macchina al limite, solo pochi di noi possono arrivarci. Ma abbiamo bisogno della macchina giusta, e all’interno di questo gruppo la differenza non è la velocità ma l’abilità di ottenere risultati gara dopo gara. Devi ammirare Lewis per averlo fatto più volte “, ha detto in un’intervista per la rivista Autocar.

“Ciò che separa questo piccolo gruppo, a parte la macchina, è la capacità mentale e fisica di far fronte a tutto ciò che lo sport ti porta settimana dopo settimana. Ci sono giorni in cui la tua salute non è la migliore, hai un po’ di jet-lag o hai avuto una brutta settimana. Tuttavia, devi andare là fuori e dimostrare che puoi essere un campione “, ha aggiunto.

Ricciardo spiega che all’interno del gruppo dei migliori c’è un nome che si distingue e che è quello di Lewis Hamilton. Nonostante ciò, il pilota della Renault crede di essere in grado di sfidare l’inglese per una Coppa del Mondo e persino di batterlo. “Ciò che rende speciale Lewis è che lo ha fatto sei volte. Sebbene si possa sostenere che abbia avuto la macchina migliore, il risultato è ammirevole. Continuare così anno dopo anno e continuare a spingere, è incredibile.”

“Con tutta la mia fiducia – sono sicuro di poter combattere una Coppa del Mondo contro di lui – potrei combattere e batterlo anno dopo anno? Non lo so. Ha molto merito e questo merita tutto il rispetto”, ha detto. Il pilota di Perth crede che un pilota sia nato con la velocità nelle vene. Crede che questo sia un fattore che non può essere migliorato negli anni poiché è qualcosa di innato.

“C’è un elemento che è innato ed è la velocità. Si tratta di una cosa che o ce l’hai o no. Quella sensazione a portata di mano è lì fin dal primo giorno oppure non lo è “, ha detto Ricciardo per finire.

Ti potrebbe interessare: Hamilton, Vettel e Ricciardo: tra i 50 atleti più pagati del 2020

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI