Toto Wolff: La F1 ha il dovere di contribuire a ridurre la diffusione di COVID-19

Toto Wolff Mercedes
Toto Wolff Mercedes

Il capo della Mercedes Toto Wolff afferma che la Formula 1 ha il dovere di contribuire a ridurre la diffusione del coronavirus. La F1 sta affrontando un ritardo forzato all’inizio della stagione 2020 a causa dell’attuale crisi globale del coronavirus che ha portato al rinvio o alla cancellazione delle nove gare di apertura.

I boss del campionato stanno attualmente lavorando per avviare la stagione il prima possibile e stanno prendendo in considerazione la possibilità di tenere gare a porte chiuse senza spettatori a causa delle continue restrizioni di distanza sociale imposte dalla maggior parte dei paesi europei. Tra la pausa, Mercedes e gli altri sei team con sede nel Regno Unito hanno sviluppato dispositivi medici salvavita e hanno contribuito alla fornitura di oltre 20.000 ordini dall’NHS per curare i pazienti con coronavirus.

“La Formula 1 è una piattaforma di intrattenimento e uno sport e ci manca”, ha dichiarato Wolff nell’ultimo episodio della serie Deep Dive di Mercedes. “Ma penso che dobbiamo contribuire a ciò che fanno tutti per aiutare a ridurre i casi e uscire da questa terribile fase. La cosa più importante è la salute e il benessere di tutti noi, delle nostre famiglie, dei nostri amici e dei nostri colleghi nel team e in Daimler. Penso che tu abbia visto vari dati e voci diffondersi in giro, hai sentito parlare di casi singolari che sono veri e propri casi anomali di persone che non dovrebbero essere colpiti così gravemente come sono.”

“Aggiungete all’equazione le varie strategie dei governi: l’Austria, il mio paese d’origine, ha adottato una politica di blocco molto presto e tre settimane dopo il virus sta scendendo e il governo sta pensando di riaprire lentamente alla vita normale. Poi vedi che la Svezia ha adottato una strategia totalmente diversa e è rimasta sostanzialmente come prima, aggiungendo la componente del distanziamento sociale, e altri paesi invece sono in blocco totale. Stiamo davvero combattendo un nemico sconosciuto qui.”

La mancanza di gare a causa dell’epidemia di COVID-19 ha messo la F1 e i suoi 10 team in una posizione vulnerabile, con discussioni su come alleviare lo stress finanziario dei team dopo un calo delle entrate per la mancanza di gara, diritti di trasmissione e sponsorizzazione. Ma Wolff rimane fiducioso che la F1 e la società nel suo insieme usciranno dalla crisi del coronavirus “più forte”.

Ti potrebbe interessare: Wolff: “La mia attenzione è rivolta alla Mercedes e al raggiungimento degli obiettivi”

 

Looks like you have blocked notifications!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI