Wolff: la penalità di cinque secondi per Hamilton “troppo dura”

Toto Wolff
Toto Wolff

Il boss della Mercedes Toto Wolff ritiene che la penalità di cinque secondi inflitta a Lewis Hamilton a seguito di un incidente con Alex Albon sia stata “troppo dura”. Con Hamilton che correva al secondo posto con le gomme rigide nel Gran Premio d’Austria, un Albon in gran forma si stava avvicinando con la sua Red Bull. Dopo aver tentato di superare il sei volte campione di F1 sul lato sinistro, i due si sono scontrati, mandando Albon fuori pista.

La FIA ha ritenuto l’incidente degno di una penalità di cinque secondi che ha retrocesso Hamilton dal secondo al quarto posto, dato che Lando Norris è stato in grado di fare il giro più veloce della corsa riuscendo per un pelo a diventare terzo. Quella punizione è seguita a una retrocessione nella griglia di tre posti dopo che Red Bull ha mostrato nuove prove secondo cui Hamilton aveva ignorato le bandiere gialle in qualifica rimanendo impunito.

Parlando con i media dopo la gara, Wolff ha affermato chiaramente che Hamilton è stato forse trattato ingiustamente, affermando: “Gli steward sono sempre in una posizione difficile. Penso che ieri sia stata una brutta giornata per Lewis e una brutta giornata per la squadra. La Mercedes ha sofferto di problemi ai sensori del cambio durante la gara e ora deve affrontare una sfida per garantire che entrambe le vetture siano in condizioni ottimali in tempo per la seconda gara sul circuito domenica prossima.

Ti potrebbe interessare: “Wolff usa l’Aston Martin come minaccia, ma vuole rimanere con la Mercedes”