Wolff vede il calendario di F1 con 15 gare possibili

Toto Wolff
Toto Wolff

La Formula 1 non ha ancora confermato il programma definitivo per questa stagione ristretta 2020. Tuttavia, l’intenzione di tenere tra 15 e 18 test continua. Toto Wolff lo considera uno scenario perfettamente possibile, purché non vi sia una seconda ondata di coronavirus. Al momento, l’Austria continua ad essere la favorita per aprire il campionato con due gare. La sua posizione rende il Red Bull Ring un’ambientazione ideale. Con la possibilità di gareggiare due volte sulla stessa pista, Wolff vede fattibile che almeno metà della stagione sarà in Europa.

Toto Wolff pensa che sia possibile quest’anno correre almeno 15 gare in Formula 1

“Penso che sia realistico che Liberty voglia celebrare 15 gare se le cose vanno bene con il coronavirus. Con questi eventi che faremo in Europa durante l’estate, raggiungeremo facilmente 8 o 10 gare”, ha dichiarato in dichiarazioni raccolte da ORF. La Gran Bretagna era seconda nella lista con il piano per Silverstone di assistere anche a due GP. Tuttavia, nelle ultime ore questa opzione sembra essere stata complicata dalla possibilità che il governo non farà un’eccezione nella quarantena imposta a chi arriva dall’estero.

Data l’attuale complicata situazione, la categoria regina ha preso in considerazione la possibilità di competere su circuiti che inizialmente non erano in calendario. Uno di questi è Magny Cours, anche se il capo della pista, Serge Saulnier ha chiarito che non è un’opzione, almeno per il 2020.

D’altra parte, Hockenheim sembra in pole per sostituire la Gran Bretagna se non si riuscirà a correre lì. La pista tedesca ha fornito alcune delle migliori corse delle ultime due stagioni, anche se non era in programma per quest’anno. Il quotidiano tedesco Allgemeine Zeitung afferma che la pista vuole ospitare due GP purché la categoria copra i costi.

Comunque sia, Wolff ammette che il ritorno della Formula 1 non è la cosa essenziale ora a livello globale. Tuttavia, ritiene positivo per gli appassionati di sport poter competere di nuovo. “Non è la cosa più importante al mondo. Se possiamo contribuire all’intrattenimento e alla distrazione dei fan, come nel caso della Bundesliga in Germania, allora è una buona cosa”, ha detto, concludendo parlando con il quotidiano austriaco Kronen Zeitung.

Ti potrebbe interessare: Wolff in trattative con Daimler per valutare il futuro della Mercedes in F1

Looks like you have blocked notifications!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI