in

Daimler, “orologio a pendolo”: il momento era giunto

L'”orologio a pendolo” fu una delle tante invenzioni geniali di Daimler: un pilastro fondamentale per la storia dei motori.

Daimler orologio a pendolo

La rubrica sul Museo Mercedes-Benz, disponibile sul sito ufficiale del marchio, è una delle più attese e apprezzate dai fan della Stella di Stoccarda. Ogni puntata si concentra su un veicolo, una mostra o una caratteristica architettonica o un design. Evidenziare i dettagli, raccontare storie di sottofondo e condividere fatti emozionanti e sorprendenti. Con 160 macchine e 1.500 oggetti esposti, il Museo Mercedes-Benz è un vasto tesoro di aneddoti e curiosità. Sotto i riflettori in questa occasione “l’orologio del nonno” – il motore monocilindrico di Gottlieb Daimler del 1880.

Daimler N. 3/2021: “Orologio a pendolo”

Daimler orologio a pendolo

L’ora legale termina la notte dal 30 al 31 ottobre 2021. Gli orologi tornano indietro – ufficialmente accade alle 3 del mattino, riportando la lancetta alle 2 del mattino. Molte persone ne sono contente: un’ora in più di sonno la domenica, che bello. Ben 135 anni fa, Gottlieb Daimler determinò anche uno spostamento dell’ora con il suo “orologio a pendolo”. Certo, non letteralmente. Tuttavia, mostrava chiaramente che il tempo era giunto.

“L’orologio del nonno” è il soprannome dato al primo motore a quattro tempi ad alta velocità di Daimler. Si tratta di una mostra centrale nella Legend Room 1 del Mercedes-Benz Museum: Pioneers – L’invenzione dell’automobile. Una scultura dall’aspetto sorprendente, realizzata in acciaio e ottone, con cilindro verticale e basamento rotondo: ricorda infatti lontanamente un orologio a pendolo. Proprio accanto c’è la carrozza a motore di Daimler e, sullo sfondo, tutti gli altri veicoli alimentati dall'”orologio del nonno”. È stato questo “orologio” davvero speciale a inaugurare l’era della mobilità individuale a tutto tondo, sebbene all’epoca non fosse stato evidente fin da subito.

Sicuro di sé

Nell’estate del 1882, l’inventore Gottlieb Daimler, 48 anni, divenne un imprenditore di quelle che noi oggi chiamiamo start-up. Dotato di solide conoscenze tecniche e di un potere economico derivanti dalle precedenti posizioni da manager ricoperte, più recentemente presso la fabbrica di motori a gas di Nicolaus Otto, Deutz AG, era tornato nella sua patria sveva. Portò con sé l’idea di un motore a combustione leggero, compatto e potente che potesse essere installato anche sui veicoli.

Un business costruito in un garage: non era diverso dalle start-up di oggi. Daimler era completamente convinto che la sua idea avrebbe funzionato e si dedicò energicamente a realizzarla nella casa estiva della sua villa a Bad Cannstatt. Al suo fianco – come prima – c’era il geniale tecnico Wilhelm Maybach. Tuttavia, il mondo intorno a loro espresse scetticismo e i forti rumori provenienti dall’officina condussero persino ad accuse di falsificazione di denaro. Qualcosa che erano facilmente in grado di confutare.

Rivoluzionario

Il 16 dicembre 1883 era giunto il momento. Daimler brevettò il suo primo motore pionieristico, sebbene inizialmente fosse ancora concepito come un’unità fissa. L’innovazione periferica più importante fu l’accensione a tubo caldo ideata da Maybach, che garantiva un funzionamento affidabile e consentiva l’aumento desiderato della velocità del motore. Altre innovazioni includevano il carburatore a galleggiante e il controllo della scanalatura curva per la valvola di scarico.

Nel 1884, il principio di funzionamento fu trasferito in un’unità compatta, l’“orologio a pendolo”. Nella sua prima versione, questo propulsore produceva 0,74 kW (1 CV) a 600 giri/min. Non sembra granché? Tutt’altro: all’epoca tali valori fondamentali erano sensazionali. La potenza di altri motori era simile, ma raggiungevano il limite di velocità a soli 120-180 giri/min. E questi altri motori erano tutt’altro che leggeri, compatti e mobili.

Daimler: mobilità a tutto tondo

Dopo questa invenzione fondamentale, Daimler continuò a perseguire la sua visione. Voleva alimentare mezzi di trasporto di ogni genere con il suo motore. Il primo veicolo sperimentale, la cosiddetta “macchina da corsa”, era costituito da un telaio in legno con una versione ridotta dell’“orologio a pendolo”, due ruote, un semplice sistema di sterzo e un sedile.

Nel 1885, questo fu il primo veicolo a muoversi da solo con l’ausilio del suo motore a combustione interna, un'”automobile” nel senso delle parole latine corrispondenti. Daimler ha protetto questa invenzione con il brevetto DRP 36 423 del 29 agosto 1885, come “veicolo con motore a gas o petrolio”. Allo stesso tempo, è stata la prima motocicletta al mondo. Da lì, la prima automobile a quattro ruote del mondo, costruita nell’estate del 1886, fu relativamente breve: con l’aiuto dell'”orologio del nonno”, Daimler trasformò una carrozza trainata da cavalli che si era comprato la sua “carrozza a motore”.

Strada verso il successo

Gottlieb Daimler perse di poco la gara per la prima automobile. Perché un altro indaffarato inventore e imprenditore in fase di avviamento brevettò la sua carrozza a motore a tre ruote nel gennaio 1886, la prima automobile al mondo: Carl Benz a Mannheim. Ma questo non toglie nulla al successo di Bad Cannstatt. Da abile uomo d’affari, Daimler seppe applicare la sua invenzione a prodotti ricercati e svilupparla costantemente. Usò il suo sistema di guida universale su terra, acqua e aria e la sua visione di mobilità a tutto tondo divenne realtà.

Assistette ai primi anni del successo della sua azienda, ma non visse abbastanza per vedere l’enorme successo dell’automobile. Daimler morì il 6 marzo 1900 a causa di una malattia cardiaca.

Luogo di nascita

Quindi la storia dell'”orologio a pendolo” è entusiasmante. Ma coloro che vogliono avere un ulteriore assaggio dello spirito di iniziativa di Gottlieb Daimler, oltre a visitare il Museo Mercedes-Benz, possono anche visitare la sua officina originale. La serra con la sua estensione in mattoni a Cannstatt funge ancora da piccolo museo per commemorare lo straordinario inventore. L’ingresso è gratuito.

Looks like you have blocked notifications!