in

Mercedes ESF: una sicurezza da 50 anni

Cinquant’anni fa vedevano la luce le Mercedes ESF, i veicoli sperimentali di prova che la Casa tedesca impiega per i test di sicurezza.

Mercedes ESF

Di volta in volta, Mercedes-Benz definisce gli standard nella sicurezza automobilistica. Già negli anni ’70, il marchio aveva costruito più di 30 veicoli di prova come parte del programma ESF di “Experimental-Sicherheits-Fahrzeuge” (Veicoli sperimentali di sicurezza, ESV) per la ricerca sui futuri sistemi di sicurezza. E 50 anni fa la Mercedes-Benz ESF 05 si presentava al pubblico come il primo veicolo di questa serie. Da allora sono seguiti altre ESV Mercedes-Benz, più recentemente l’ESF 2019 con un focus sulla guida elettrica e autonoma.

Mercedes ESF: la presentazione nel 1971

Mercedes ESF

L’ESF 05 fu presentata nell’ambito della seconda conferenza ESV tenutasi a Sindelfingen dal 26 al 29 ottobre 1971. Il veicolo era basato sulla serie W 114 di medie dimensioni (“Stroke/8”). L’ESF 05 anticipò numerose innovazioni per la sicurezza attiva e passiva, alcune delle quali avrebbero raggiunto la maturità produttiva solo anni dopo. Comprendevano il sistema di frenata antibloccaggio ABS, l’airbag e il pretensionatore della cintura di sicurezza.

Prendendo ad esempio la sicurezza passiva, un’efficace protezione degli occupanti è sempre un lavoro in corso. Attualmente, gli ingegneri stanno lavorando, tra le altre cose, a concetti di sicurezza innovativi per nuovi design degli interni. Come proteggere, ad esempio, gli occupanti delle auto a guida autonoma quando utilizzano sedie girevoli, siedono ad angolo retto rispetto alla direzione di marcia o addirittura assumono posizioni reclinate? E come ridurre ulteriormente le lesioni a pedoni e ciclisti quando si scontrano con un veicolo, visto che in molte città le loro strade si incrociano sempre più con quelle delle auto?

La sicurezza è diventata sempre più importante

A metà degli anni ’60, il numero di incidenti stradali aumentò rapidamente parallelamente alla diffusione delle vetture. Nel 1970 si stabilì un triste record: 19.193 persone persero la vita solo sulle strade della Germania occidentale. In altri paesi c’è stato uno sviluppo simile, già prevedibile negli anni precedenti. Nel 1968, in risposta, il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti (DOT) lanciò un programma per sviluppare veicoli di sicurezza sperimentali. Ciò ha dato origine alla “Conferenza tecnica sulla sicurezza rafforzata dei veicoli”, che si svolge dal 1970.

Il governo americano voleva dare a questo programma una base internazionale. Così, nel 1970, fu fondato anche il “Comitato europeo per la sicurezza dei veicoli potenziato” (EEVC). Come pioniere nel campo della sicurezza passiva, Mercedes-Benz ha sostenuto le nuove organizzazioni di fin dall’inizio. I requisiti per i veicoli ESF (ESV) uscirono nel 1970. Comprendevano l’impatto anteriore e posteriore con un ostacolo fisso a 80 km/h e l’impatto laterale con un palo a 20 km/h. I veicoli avrebbero dovuto resistere a piccoli incidenti a velocità fino a 16 km/h senza deformazioni permanenti nella parte anteriore e posteriore. È stato previsto anche un sistema automatico di cinture di sicurezza.

La sicurezza prima di tutto con il veicolo di sicurezza sperimentale ESF 05

A questo punto, Mercedes-Benz era da tempo impegnata nella sicurezza. Per le autovetture del programma ESF, il marchio Mercedes-Benz avrebbe potuto quindi attingere a una vasta esperienza. L’ESF 05 era dotato di numerose caratteristiche speciali: oltre alle cinture di sicurezza a tre punti autoadesive, disponeva di diversi airbag. Questi si trovavano davanti al guidatore e al passeggero anteriore, e anche negli schienali dei sedili anteriori dove proteggevano i passeggeri posteriori.

Inoltre, si implementarono misure per soddisfare i requisiti di impatto anteriore e posteriore: la struttura della scocca del veicolo di ricerca fu rinforzata nella parte anteriore e laterale. Aveva anche un passo allungato di 100 millimetri, un avantreno allungato di 370 millimetri, un motore V6 sperimentale per guadagnare spazio alle deformazioni, una plancia con elemento in lamiera antiurto nella zona del passeggero anteriore e imbottitura in poliuretano espanso in numerosi urti.

Nelle portiere si eliminarono i quarti di luce anteriori e gli alzacristalli elettrici resero superflui gli alzacristalli nelle portiere. I fari erano dotati di controllo dell’autonomia e di un sistema di lavaggio, mentre il parabrezza e il lunotto erano in vetro laminato. E infine, l’ESF 05 era dotato di ABS. La lunghezza complessiva è aumentata di 655 millimetri a 5.349 millimetri rispetto alla berlina standard e il peso a vuoto aumentò di 655 chilogrammi a 2.060 chilogrammi.

Proseguimento del programma FSE

Mercedes-Benz sviluppò un totale di 35 veicoli nell’ambito del programma ESF e inizialmente ne presentòquattro al pubblico tra il 1971 e il 1974. Dopo l’ESF 05, il primo di questi fu l’ESF 13, un ulteriore sviluppo stilistico dell’ESF 05 , presentato a Washington nel giugno 1972 in occasione della 3° Conferenza ESV. L’ESF 22, basata sulla Classe S della serie 116, venne presentata nel marzo 1973 durante la 4a Conferenza ESV a Kyoto. Ora può essere vista nel Museo Mercedes-Benz. Alla 5a Conferenza ESV, il marchio ha presentato un’ulteriore Classe S modificata della stessa serie di modelli.

Uno sguardo ai tempi più recenti: in qualità di costante pacemaker nel campo della sicurezza, il marchio ha puntato i riflettori sull’ESF 2009 basato sulla Classe S della serie 221 alla 21a conferenza ESV a Stoccarda nel giugno 2009. Oppure prendete l’ESF 2019: come tutti i veicoli di questo programma, che funziona ormai da 50 anni, anche questo affronta tendenze che puntano lontano nel futuro.

L’attenzione qui è sulla sicurezza dei sistemi di azionamento elettrico e delle batterie in caso di incidenti, nonché sulla protezione degli occupanti durante la guida completamente autonoma. Sistemi di assistenza sempre più sofisticati aiutano a prevenire le collisioni. Il lavoro di ricerca e sviluppo sulla sicurezza dei veicoli è un processo continuo. Ad esempio, i preparativi per la 27a Conferenza ESV a Yokohama nell’aprile 2023 sono già in pieno svolgimento.

Con le loro innovazioni in materia di sicurezza, veicoli come il Mercedes-Benz ESF 05 hanno contribuito a ridurre drasticamente il numero di vittime nel traffico stradale per 50 anni. Dando un’altra occhiata alla Germania, nel 2020 il numero di vittime è stato di 2.719, per l’intero territorio federale odierno, con gli stati tedeschi orientali e occidentali presi insieme. Si tratta di un enorme miglioramento, con un simultaneo e significativo aumento dei chilometri percorsi sulle strade.

Looks like you have blocked notifications!