Come anticipato in queste ore dal magazine tedesco Spiegel, che cita fonti interne all’agenzia dei trasporti tedesca, Mercedes si prepara ad avviare un maxi-richiamo che coinvolgerà ben 774 mila vetture vendute in Europa e dotate di motori diesel.

Come facilmente intuibile, la causa del richiamo che coinvolge tutti i questi modelli di Mercedes è un nuovo caso dieselgate. Stando a quanto evidenziato dall’autorità tedesca, infatti, i modelli oggetti del richiamo presenterebbero un sistema di protezione del motore che permetterebbe di alterare i test di omologazione andando a ridurre il valore delle emissioni di CO2 in atmosfera. I modelli che saranno richiamati sono omologati Euro 6.

Da notare che il richiamo coinvolge circa 200 mila unità vendute in Germania mentre la restante parte comprende vetture vendute nel resto d’Europa, Italia compresa. In totale, inoltre, i modelli coinvolti dal richiamo sono 24. In prima linea, con oltre 600 mila esemplari richiamati, è la Mercedes Classe C con motore 1.6 litri nelle versioni 180d da 116 CV e 200d da 136 CV. Si tratta di due delle varianti più apprezzate, per rapporto qualità/prezzo in particolare, della Classe C che rappresenta uno dei modelli di punta della gamma diesel di casa Mercedes.

Coinvolte nel richiamo a causa del problema con le emissioni ci sono anche la Mercedes GLC in configurazione 220d, diverse varianti non ancora specificate nel dettaglio dell’ammiraglia Mercedes Classe S e del furgone Vito. Ulteriori dettagli in merito a questo nuovo maxi-richiamo che coinvolge un enorme numero di vetture marchiate Mercedes dovrebbero arrivare nel corso dei prossimi giorni.